Cerca
  • Efficienza energetica
  • Scenario

Renovation Wave: la strategia UE per ristrutturare in ottica green

Scritto da
Laura Baronchelli
Renovation Wave: la strategia UE per ristrutturare in ottica green

Renovation Wave – che letteralmente significa “ondata di ristrutturazioni” – è il nome dato alla strategia europea volta a promuovere l’efficientamento energetico e il rinnovamento degli edifici nei Paesi del Vecchio Continente.

Approvata il 14 ottobre 2020 e collegata al Green New Deal europeo, l’obiettivo principale di questa politica UE è quella di trasformare gli edifici in green building, efficienti e a basso impatto ambientale, e, allo stesso tempo, di migliorare la qualità della vita negli ambienti interni e di ridurre la povertà energetica.

Renovation Wave: quali obiettivi

Come dicevamo, la strategia Renovation Wave è tesa a migliorare le prestazioni energetiche degli edifici e, conseguentemente, ridurre il consumo di energia e risorse negli edifici, in un’ottica di economia circolare. Ovviamente, di pari passo al processo di diminuzione dell’impatto ambientale deve aumentare la digitalizzazione del building, che deve essere necessariamente intelligente per tenere sotto controllo consumi ed emissioni.

Secondo gli ultimi dati UE, gli edifici europei consumano circa il 40% dell’energia totale ed emettono il 36% della CO2 collegata all’energia. Eppure, ogni anno, solo l’1 % è sottoposto a lavori di ristrutturazione in ottica di efficienza energetica, troppo poco per riuscire a raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione fissati al 2030 e al 2050.

renovation wave dati strategia europa
Renovation Wave: la strategia europea per la decarbonizzazione e l’efficientamento energetico degli edifici

Le priorità della Renovation Wave

La Renovation Wave si pone 3 priorità fondamentali:

Inoltre, l’UE propone di migliorare l’approccio lungo tutto il ciclo di vita dell’edificio, dalla concezione del progetto al suo finanziamento al completamento dei lavori fino alla successiva manutenzione fornendo una serie di standard, riferimenti, strumenti di finanziamento e dispositivi di assistenza tecnica.

Le linee strategiche e gli standard minimi obbligatori

Ecco in sintesi le azioni principali della strategia europea Renovation Wave.

  1. Rafforzare norme e riferimenti per misurare le energetiche degli edifici nel settore pubblico e privato, anche introducendo standard minimi obbligatori e maggiori incentivi alla ristrutturazione.
  2. Garantire l’accesso a finanziamenti mirati attraverso iniziative specifiche come quelle denominate “Renovate” e “Power Up” inserite nel quadro del Next Generation EU e recepite nei vari Piani nazionali di ripresa e resilienza.
  3. Migliorare competenze e capacità nel fornire assistenza tecnica, formazione e riferimenti all’attuazione dei progetti.
  4. Allargare il mercato dei prodotti e dei servizi per l’edilizia sostenibile, anche integrando materiali riusati e riciclati puntando su una maggiore circolarità.
  5. Creare un “Bauhaus” europeo, ossia un progetto interdisciplinare gestito da un comitato internazionale di esperti che porterà, entro il 2022, alla costituzione di una rete di cinque iniziative Bauhaus in diversi paesi dell’UE.
  6. Sviluppare soluzioni di prossimità per la green e digital transition in modo che le comunità locali integrino energie rinnovabili e tecnologie digitale costituendo dei distretti a energia zero che saranno alla base delle città sostenibili del futuro. In questo contesto, i consumatori diventano prosumer che vendono energia alla rete.
Scritto da
Laura Baronchelli