Cerca
  • Efficienza energetica
  • Casi di successo

Smart lighting per i borghi italiani: il caso di Sasso di Castalda

Smart lighting per i borghi italiani: il caso di Sasso di Castalda

Lo smart lighting per i borghi italiani può mettere ancora più in luce la loro bellezza e renderli modelli di città intelligenti. Un esempio è Sasso di Castalda (Potenza), piccolo Comune della Basilicata, uno degli esempi più straordinari di urbanistica medioevale. Oltre al contesto paesaggistico di grande rilievo, è famoso per il “Ponte alla Luna”, sistema costituito da due ponti tibetani tra i più lunghi e affascinanti del mondo.

Il piccolo borgo antico ha saputo fare spazio all’innovazione e alla tecnologia. Così oggi conta non solo su un sistema di illuminazione pubblica a LED che esalta scenograficamente il ponte tibetano. Dispone anche di tre impianti fotovoltaici pubblici, per un totale di 52,25 kWp, di una infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici e di un sistema hi-tech di informazioni turistiche tramite un sistema che integra app e tecnologia beacon. Inoltre conta anche su soluzioni per fornire informazioni e servizi utili per promuovere il territorio ed elevare la capacità attrattiva del borgo lucano. Artefice tecnologico della infrastruttura innovativa è Selettra, azienda lucana che si è fatta conoscere negli anni per i suoi numerosi prodotti e servizi.

Smart lighting per i borghi italiani: il caso virtuoso di Sasso di Castalda

Sasso di Castalda (828 abitanti) offre un interessante modello di smart lighting. Il suo percorso virtuoso parte da lontano. Per la precisione dal 2010, quando Selettra ha ottenuto la concessione della gestione del servizio di illuminazione pubblica. Il contratto prevedeva la progettazione, la realizzazione, la gestione e manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione comunale. Le finalità erano: ridurre i consumi energetici, mettere in sicurezza e a norma tutte le parti di impianto non in linea con i requisiti richiesti dalle normative vigenti, ridurre l’inquinamento luminoso e rispettare le normative di settore per quanto riguarda i valori di illuminamento delle diverse aree e strade.

CTA-Smart-Sustainable-City

Il risultato di tali obiettivi ha portato alla gestione di un impianto con 509 lampade ad alta efficienza con un consumo energetico di circa 183 mila kWh, con un risparmio superiore al 50% rispetto ai consumi storici. Ma non si è fermata qui la volontà dell’amministrazione comunale di fare efficienza energetica e nel contempo di elevare ancor più la qualità illuminotecnica. Così si è arrivati all’implementazione e retrofit del sistema di illuminazione con l’adozione dei LED. Risultato: un’ulteriore riduzione di circa il 50% dei consumi energetici, passando dai circa 183mila kWh a circa 94mila kWh con un risparmio di 17 TEP/anno e conseguente riduzione annua di emissioni per 25 Ton di CO2.

Quant’è smart il borgo lucano: ecco perché

L’illuminazione efficiente è solo il primo, importante passo, verso la gestione intelligente, risultato di un felice connubio tra un’Amministrazione “illuminata” e una società ad alto tasso tecnologico.

Come evidenzia Vito Telesca, direttore tecnico di Selettra, «il felice caso riguardante Sasso di Castalda è l’esito di un progetto PPP avviato in project financing. Si tratta per noi di uno dei Comuni “storici” per la nostra società e uno dei casi applicativi più significativi. Merito dell’amministrazione comunale, che ha accettato con prontezza la proposta di Selettra, volendo poi implementare nel corso degli anni le iniziative da noi proposte».

Oggi nel borgo lucano sono presenti pressoché tutti i casi impiantistici progettati e realizzati dalla società lucana: dall’illuminazione pubblica dei punti più significativi del centro storico e della cittadina, oltre a una illuminazione scenografica dell’area circostante il Ponte alla Luna, alla filodiffusione nel borgo, compresi l’infrastruttura di ricarica elettrica e gli impianti fotovoltaici sugli edifici comunali. Inoltre è presente l’impianto wi-fi cittadino e quello di videosorveglianza. Infine, mediante tecnologia beacon, vengono fornite informazioni attraverso AppInfo.City. «Si tratta di un servizio utile per il turista che, scaricando l’app e nelle vicinanze di un beacon riesce a leggere e conoscere parti significative, storico-artistiche, della città».

AppInfo.City è utile per la vita cittadina, ma anche per lo sviluppo dell’economia locale. «Attraverso questa applicazione tutte le partite Iva del piccolo comune possono iscrivere e comunicare notificando promozioni e offerte ai cittadini, un modo di creare attività di smart economy nelle comunità rurali», specifica Telesca.

Infine, Sasso di Castalda ha ospitato centinaia di scuole grazie alla propria valenza naturalistica e paesaggistica e, proprio attraverso l’impianto di diffusione sonora, ha creato dei percorsi didattici.

In questo modo un piccolo borgo di meno di 900 abitanti è divenuto un caso di successo e attraverso il servizio di pubblica illuminazione ha gettato le basi per vari servizi aggiunti in ottica smart city.

Borghi e transizione energetica: si può fare

Quello di Sasso di Castalda è certamente rappresentativo, ma non l’unico esempio di applicazione dei servizi a valore aggiunto e di applicazione della transizione energetica nei borghi. Sì, perché oltre alle soluzioni di smart lighting per i borghi italiani, già da tempo Selettra si è mossa in questa direzione. «Transizione energetica significa anche elettrificare i mezzi per la mobilità comunale. Non solo: in vari Comuni sono state installate sia stazioni per il blocco delle e-bike e di ricarica. Si tratta di possibilità offerte alle amministrazioni per convertire la mobilità urbana in modo sempre più sostenibile». Diverse PA cominciano a crederci, pianificando spazi per la mobilità dolce. E poi ci sono gli impianti fotovoltaici integrati con accumulo. Un esempio è il Comune di Avigliano (Potenza) in cui sarà predisposto un impianto integrato solare e storage per il cimitero, con l’obiettivo di azzerare i costi energetici.

CTA-Smart-Sustainable-City
Giornalista freelance specializzato in tecnologia e in modo particolare in tematiche che hanno un impatto significativo sulla vita quotidiana e su quella futura: smart energy, smart building, smart city.