Cerca
  • Efficienza energetica
  • Casi di successo

Efficienza energetica nella GDO: con il BEMS si ottengono efficienza e comfort

Scritto da
Andrea Ballocchi
Efficienza energetica nella GDO: con il BEMS si ottengono efficienza e comfort

Fare efficienza energetica nella GDO è un fattore di primaria importanza, dato che il settore, in Italia, è responsabile di circa il 4% del totale dei consumi di energia elettrica. Tra le voci essenziali di consumo vi sono la climatizzazione estiva ed invernale degli spazi aperti al pubblico oltre all’illuminazione di ambienti e prodotti.
Come riuscire a tagliare i consumi, garantendo anche il giusto comfort e qualità dell’aria? Grazie a interventi mirati che prevedono l’installazione di impianti Building Energy Management System (BEMS) e la necessaria “intelligenza”. L’esempio lo fornisce Bricoman, il più grande specialista di prodotti tecnici professionali per la costruzione e ristrutturazione della casa con vendita sia all’ingrosso sia al dettaglio con un fatturato (2019) da un miliardo di euro circa.

QUINTO IMPIANTI, Partner Registrato Trend, è l’artefice degli interventi di efficientamento in 9 dei 26 punti vendita Bricoman in Italia: grazie all’utilizzo della tecnologia di Trend Control Systems, azienda leader mondiale nei sistemi BEMS e facente parte di Honeywell Building Technologies, si sono raggiunti risultati significativi, quantificabili in un risparmio energetico medio di almeno il 35%.

Efficienza energetica nella GDO: l’esempio di BRICOMAN

Il primo intervento di efficientamento e di monitoraggio è stato eseguito a Segrate, operazione che poi è stata replicata riguardando le sedi Bricoman di Carate Brianza, Caronno Pertusella, Cerro Maggiore, Pero, Venegono (Lombardia); Genova (Liguria); Sassari (Sardegna); Orbassano (Piemonte).

L’intervento di QUINTO IMPIANTI ha previsto l’ottimizzazione e il monitoraggio costanti della parte consumi energetici h24: quindi non solo le ore notturne, ma soprattutto quelle diurne nelle quali la climatizzazione raggiunge il 60% circa dei consumi totali.

Per riuscire in questo ha valutato il bilanciamento degli impianti tra aria di mandata e quella di ripresa, con un’azione di bilanciamento nel caso di difformità. Inoltre, ha installato specifici sistemi di monitoraggio continuo (controllo temperature, umidità, CO2) ed è stata attuata una telegestione (azioni di gestione remotizzate) in tempo reale.

Il “cuore tecnologico” del sistema è costituito dagli impianti BEMS, adibiti appunto al monitoraggio, alla telegestione e alla conduzione remota delle macchine di climatizzazione.

«L’attenzione è stata rivolta all’area del reparto vendita, garantendo efficienza energetica e comfort ambientale, il che non è così scontato ed è un valore aggiunto che testimonia l’estrema attenzione di Bricoman nei confronti del cliente», spiega Domenico Quinto, imprenditore e titolare della QUINTO IMPIANTI.

Per centrare questo doppio obiettivo ha lavorato al controllo e alla gestione i tutti i parametri di benessere come la temperatura ambiente, l’umidità, il livello di CO2 per i ricambi d’aria, i metri cubi di aria mandata e ripresa, nonché la gestione degli allarmi sia in automatico (con algoritmi) che manualmente tramite operatore.

«Al cliente abbiamo spiegato che avremmo operato in un sistema analizzato e studiato in ogni dettaglio, svolgendo un intervento mirato alla interconnessione delle unità trattamento aria deputate al riscaldamento e raffrescamento (nel caso specifico dei Rooftop). La gestione digitalizzata degli impianti è stata affidata a un sistema di controllo che, attraverso sensori, permette di agire in maniera puntuale, 24 ore su 24, alla conduzione ottimale. Tutto questo grazie all’adozione di specifici algoritmi di apprendimento automatico che permettono di adattarsi al meglio alle esigenze dell’ambiente in cui è configurato», afferma Quinto.

Healthy building: così la GDO migliora qualità dell’aria e sicurezza

Oltre al risparmio sui consumi, la gestione ottimale dell’ambiente e dei relativi impianti HVAC si è manifestata anche nel miglioramento del comfort interno, grazie al perfezionamento dei ricambi d’aria. «La qualità dell’aria, monitorata attraverso specifici sensori, è stata pensata per essere efficiente, evitando ricambi d’aria non necessari (se ne contavano anche fino a 100mila metri cubi d’aria all’ora) e intervenendo invece sulle reali esigenze». Questo ha inciso anche sui consumi di energia elettrica e sulla loro drastica riduzione, mediante una oculata gestione delle macchine fatta da personale terzo esperto, soprattutto nei mesi in cui la climatizzazione può essere ridotta al semplice free cooling, ricircolo aria e solo quando c’è effettiva necessità.

Qualità dell’aria indoor significa anche sicurezza. Nel pieno della crisi pandemica, contare su ambienti dove il rischio contagio legato all’aria interna è stato praticamente azzerato, è stato un fattore determinante.

I risultati: risparmi energetici e rapido ROI

La tecnologia BEMS di Trend Control Systems, debitamente adottata e implementata dalla QUINTO IMPIANTI, garantisce un’estrema adattabilità e capacità di reazione in modo da ottimizzare tutti i parametri proprio grazie alla capacità di self learning che permette di imparare e adattarsi al meglio. Questo ha reso possibile la sincronizzazione degli impianti e dei relativi consumi.

Si è arrivati così a ottenere un risparmio energetico consistente: «da stime conservative, possiamo dire che il risparmio medio è di almeno il 35%», specifica Quinto. Nel caso di Segrate, per esempio, si parla di 117.647 kWh in meno, nei soli mesi da febbraio a maggio (dati 2017), rispetto all’anno precedente, pari a circa 20mila euro di risparmio. L’investimento tecnologico, pari a 13mila euro circa per l’acquisto, l’installazione e la programmazione del sistema di controllo BEMS e delle sonde è stato ripagato rapidamente. Inoltre c’è da tenere conto delle agevolazioni fiscali connaturate a Industria 4.0, con l’iperammortamento (-37% circa del valore di acquisto).

*Riferimenti: QUINTO IMPIANTI S.r.l. ha sede in Via Marco Polo 35 ad Asti

Scritto da
Andrea Ballocchi