Cerca
  • Efficienza energetica
  • Attualità

Bando Regione Lombardia su accumulo e microreti per enti locali

Scritto da
Laura Baronchelli
Bando Regione Lombardia su accumulo e microreti per enti locali

È attivo un nuovo bando della Regione Lombardia per accumulo e fonti rinnovabili a favore degli enti locali. Si chiama Bando Axel ed è volto a supportare le Pubbliche Amministrazioni nella realizzazione di microreti per raggiungere una maggiore efficienza energetica degli edifici pubblici e un’autosufficienza energetica attraverso sistemi di accumulo dell’energia.

Il Bando è aperto dal 18 gennaio fino al 19 marzo 2021 e le domande possono essere presentate sul portale dei bandi regionale.

Il Bando Regione Lombardia sull’accumulo di energia e microreti

Il Bando della Regione Lombardia deriva dal Decreto regionale n. 15334 del 4/12/2020 e ha l’obiettivo di incentivare un uso più efficiente delle fonti di energia rinnovabile locali e agevolare l’autoconsumo di energia nelle utenze pubbliche attraverso l’utilizzo di sistemi di accumulo dell’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici negli edifici pubblici.

cta smart grid

I soggetti beneficiari del bando

L’incentivo è rivolto a tutti gli enti Locali lombardi: Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane e Province che intendono realizzare una microrete elettrica energeticamente efficiente a servizio di un edificio ad uso pubblico.

Per microrete elettrica (o microgrid) si intende il collegamento di un impianto solare fotovoltaico con un sistema per l’accumulo dell’energia elettrica allo scopo di aumentare, attraverso un opportuno sistema di gestione, l’autoconsumo di energia rinnovabile prodotta localmente.

L’ente deve essere titolare dell’impianto fotovoltaico e può presentare più domande di contributo per ogni microrete elettrica che prevede di realizzare.

cta smart grid

Bando Regione Lombardia: la dotazione finanziaria

I finanziamenti disponibili per il bando Axel sull’accumulo di energia e le microreti – sottoforma di contributi a fondo perduto – ammontano a 20.000.000 di euro. È prevista una riserva di euro 5 milioni a favore dei Comuni con popolazione residente inferiore ai 5.000 abitanti.

Il contributo copre fino al 100% delle spese sostenute ed è differenziato per tipologia di intervento:

  • Per la fornitura e l’installazione di un nuovo impianto fotovoltaico integrato con un sistema di accumulo di energia elettrica, si può avere la copertura fino al 50% delle spese sostenute.
  • Per la fornitura e l’installazione di un nuovo sistema di accumulo connesso a un impianto fotovoltaico preesistente, si può chiedere fino al 100% delle spese sostenute per il sistema di accumulo.

Termine dei lavori

Gli interventi finanziati dal bando devono essere conclusi entro il 30 novembre 2022, salvo eventuali proroghe. Gli interventi si intendono conclusi con la connessione degli impianti alla rete di distribuzione e con i relativi collaudi.

Potrebbero interessarti anche:

FER1: cos’è il Decreto Rinnovabili e come funziona

Smart grid e fotovoltaico: un rapporto stretto in evoluzione

Impianto fotovoltaico: tipologie, incentivi e vantaggi

CTA videosorveglianza tecnologie WD
Scritto da
Laura Baronchelli