Cerca
  • Sicurezza
  • Casi di successo

Laser scanner 3D: la tecnologia Lidar alleata degli smart building

Scritto da
Andrea Ballocchi
Laser scanner 3D: la tecnologia Lidar alleata degli smart building

Rilevare la presenza di persone, il loro accesso o uscita da un ambiente, tutelando la privacy e garantendo la sicurezza oggi è possibile. Grazie a particolari sensori laser scanner 3D: i LiDAR 3D MRS1000, realizzati da SICK. LiDAR è l’acronimo dall’inglese Light Detection and Ranging. Descrive una tecnica di telerilevamento che permette di determinare la distanza di un oggetto o di una superficie utilizzando un impulso laser. Questa tecnologia trova impiego in svariati campi, tanto che il suo valore sta conoscendo una crescita importante.

Markets and Markets stima che il mercato globale LiDAR passerà da 1,1 miliardi di dollari del 2020 a 2,8 miliardi di dollari nel 2025, con un CAGR del 20,7% nel periodo considerato.

Impiegati con successo nei contesti outdoor, i sensori LiDAR 3D MRS1000 trovano oggi un impiego interessante in ottica people counter, ovvero contare in modo affidabile il numero di persone che escono o entrano in un determinato luogo. Grazie alla sua elevata attendibilità, l’MRS1000 è perfettamente adatto allo scopo. Esso rileva in modo affidabile dove si trova una persona e in quale direzione si muove. Il sensore può anche essere parametrizzato in modo da monitorare l’attuale utilizzo di un’area definita. Non appena viene raggiunto il numero massimo di persone definito, può essere emesso un segnale di avvertimento o allarme.

È una soluzione che trova una sua logica e funzione tanto in un aeroporto come in un centro commerciale, ed è perfettamente congeniale agli smart building. Poter determinare la presenza di persone in un ufficio e il loro numero permette di gestire al meglio il riscaldamento, ma anche ottimizzare portata e qualità dell’aria indoor, potendo coniugare comfort ed efficienza energetica.

«Inoltre, in caso di evacuazione a seguito di un incendio, un sistema di conteggio persone quale LiDAR 3D MRS1000 permetterebbe di gestire al meglio le operazioni, garantendo così i più elevati livelli di sicurezza». Lo specifica Antonello Lauriello, Market Product Manager Measurement & Ranging -3D Compact Systems di SICK. Si tratta di uno dei principali produttori a livello mondiale di sensori e soluzioni per applicazioni industriali. Conta su 10mila collaboratori in tutto il mondo raggiungendo un fatturato di circa 1,8 miliardi di euro.

Laser scanner 3D: tecnologia LiDAR e AI per il sensore people counter

Partiamo dal people counter. È dispositivo elettronico che fornisce conteggio persone che accedono a una struttura. La sua prima attività è quindi distinguere le persone da oggetti o altro in transito, in entrata e in uscita. Contare in totale anonimato significa garantire l’esatto monitoraggio di un edificio tutelando la privacy di chi vi accede. Questo è il primo vantaggio che offre una soluzione quale il sensor Lidar 3D MRS1000. «Si tratta di una soluzione tecnologica nata per impieghi outdoor, garantendo quindi un’elevata resistenza agli agenti atmosferici senza essere influenzato da abbagli, nebbia o altro, ma che offre ottime prestazioni e qualità anche nell’indoor», spiega Lauriello.

Il sistema può essere collegato a un contatore di capienza, per svolgere anche possibili analisi e monitoraggi. Persino nell’impiego in ottica smart city può trovare spazio e utilità.

 laser scanner LiDAR 3D
Sensore laser scanner LiDAR 3D MRS1000

Ma come funziona? Il sensore laser scanner lavora su un hardware LIDAR 3D, emettendo quattro piani di scansione laser che rilevano le persone che accedono nell’edificio. Oltre a questo, anche l’Intelligenza Artificiale viene impiegata per ottimizzare funzioni e prestazioni. «Grazie all’utilizzo di un algoritmo di Machine Learning, addestrato su un campione significativo di persone che riconosce in particolare la posizione testa-spalle, permette il loro conteggio e la valutazione della direzione, in maniera anonima».

Lidar 3D MRS1000 gode di un’ampia flessibilità: pur strutturato su una rete decentrata di più dispositivi, il conteggio viene garantito da un solo elemento. I dati raccolti possono essere gestiti in vario modo, per essere elaborati o impiegati per determinate funzioni.

Dall’outdoor all’indoor: le doti del sensore 3D LIDAR MRS1000

Il laser scanner 3D LIDAR MRS1000 nasce nell’impiego outdoor caratterizzandosi per l’elevata robustezza anche in condizioni atmosferiche avverse come pioggia, polvere e nebbia. Inoltre conta sulla tecnologia innovativa HDDM+ con analisi a eco multipla che garantisce il rilevamento affidabile di oggetti e risultati di misurazione accurati. «HDDM+ interviene fornendo una misura accurata e affidabile, con alta immunità alla luce: ciò significa che non è influenzata da effetti e interferenze della luce solare, come luci, riflessioni o abbagliamenti, permettendo di facilitare all’algoritmo di svolgere al meglio la funzione di people counter».

Il dispositivo MRS 1000 ha una portata in outdoor di 64 metri. Nell’impiego di conteggio persone, che richiede una installazione verticale sopra un accesso, l’area di copertura massima è di 10 metri. Una volta che il sensore è in rete è possibile accedere tramite web server, permettendo di accedere da qualsiasi luogo e di poter sfruttare i dati per analisi dettagliate.

Scritto da
Andrea Ballocchi