Cerca
  • Sicurezza
  • News

Sicurezza, tra soluzioni smart e telecamere anti assembramento

Scritto da
Laura Baronchelli
Sicurezza, tra soluzioni smart e telecamere anti assembramento

È di qualche giorno fa la notizia riguardante Ferrovienord sulla scelta di adottare soluzioni e telecamere anti-assembramento nelle stazioni della sua rete lombarda. Una misura di sicurezza scelta per contrastare la seconda ondata del Covid-19 e per fornire uno strumento di protezione in più ai cittadini.

Fondamentalmente, è stato deciso di implementare un software dotato di intelligenza artificiale sulle telecamere di videosorveglianza già installate nelle varie stazioni. Il sistema è in grado di rilevare situazioni di rischio e criticità fornendo una rappresentazione grafica dei livelli di affollamento delle aree nelle stazione monitorate agli operatori del Posto Centrale di Movimento. In questo modo, il sistema permette agli operatori di intervenire direttamente ed evitare assembramenti o situazioni di potenziale pericolo.

ecohitech award 2020

Telecamere di nuova generazione tra AI e software anti assembramento

L’esempio di Ferrovienord dimostra come telecamere con funzioni anti-assembramento e conteggio persone (people counting) a bordo siano oggi sempre più utilizzate in stazioni, aeroporti, enti pubblici, centri commerciali ma anche piazze e strade per garantire la sicurezza.

Grazie a uno speciale algoritmo, le telecamere intelligenti possono infatti rilevare i soggetti all’interno di una data area e identificarne la direzione di spostamento, contando così sia il numero di chi entra o esce da un ambiente sia il numero di chi ingombra una certa area. Così facendo queste telecamere intelligenti possono evidenziare eventuali situazioni di affollamento arrivando a generare anche un allarme oppure emettendo un segnale sonoro o luminoso.

Le soluzioni intelligenti dell’IIT

Un sistema di intelligenza artificiale anti-assembramento è allo studio anche in Liguria, grazie alle sperimentazioni messe in campo dallo IIT – Istituto Italiano di Tecnologia. In collaborazione con Coop Liguria, l’Istituto ha infatti firmato un contratto di ricerca per analizzare ulteriori applicazioni del software anti-assembramento .

Il software, attualmente in sperimentazione in un ipermercato, punta a prevenire la formazione di assembramenti e quindi a combattere il contagio. Implementato sulle telecamere di videosorveglianza esistenti, permette infatti di monitorare la distanza tra le persone e il rischio assembramento.

La tecnologia dell’IIT si avvale di algoritmi di intelligenza artificiale che analizzano in modo anonimo ciò che viene ripreso dall’impianto di sicurezza del centro commerciale. Ogni persona ripresa viene trasformata in una sagoma stilizzata, intorno alla quale viene creato un cerchio verde, che corrisponde a un ingombro di un metro. Se il cerchio di una delle sagome entra in contatto con quello di un’altra, i due cerchi diventano rossi, e parte un segnale di alert.

Il sistema anti-assembramento potrebbe un domani rivelarsi utile anche per contrastare furti o tentativi di accesso a punti vendita diventando quindi un valido sistema anti-intrusione.

Lo stesso IIT aveva già ideato – a maggio 2020- un utile smartband anti-assembramento attualmente utilizzato in vari ambienti. Il braccialetto intelligente, nato per controllare il distanziamento sociale tra le persone, si chiama iFeel-You, monitora la distanza tra individui segnalando eventuali anomalie attraverso una vibrazione e l’emissione di un segnale luminoso. Il dispositivo wearable IoT è inoltre munito di un sensore per la registrazione della temperatura corporea, segnalando eventuali sintomi.

Scritto da
Laura Baronchelli