Cerca
  • Sicurezza
  • Casi di successo

Sicurezza in azienda: gestione olistica e tecnologia sono vincenti

Sicurezza in azienda: gestione olistica e tecnologia sono vincenti

Quanto è importante la sicurezza in azienda dovrebbe essere chiaro a tutti. Ma così non è.

Partiamo dalla cybersecurity. Nei primi sei mesi del 2021 si è rilevato un aggravamento della situazione sul fronte della sicurezza cyber. Lo evidenziano i dati della nuova edizione del Rapporto Clusit 2021. Ha analizzato 1.053 attacchi cyber gravi, il 24% in più rispetto allo stesso semestre del 2020. La stessa ricorda che le perdite stimate per le falle della cybersecurity sono pari a 6mila miliardi di dollari per il 2021 e incidono ormai per una percentuale significativa del Pil mondiale, con un tasso di peggioramento annuale a due cifre e un valore pari a tre volte il Prodotto interno lordo italiano.

Se Forrester stima che il mercato delle applicazioni di security crescerà fino a 12,9 miliardi di dollari entro il 2025, c’è anche un altro problema che conoscono bene diverse imprese: lo spionaggio industriale. Un recente studio della Commission for the Protection of Intellectual Property Rights statunitense stima che il costo annuale per l’economia USA continua a superare i 225 miliardi di dollari anche a causa dei furti di segreti commerciali (oltre che merci contraffatte e software pirata) e potrebbe arrivare a 600 miliardi di dollari.

Sullo spionaggio industriale l’Europa è particolarmente vulnerabile. Secondo l’Università di Tilburg il 20% delle aziende europee hanno subito una violazione. L’Italia è particolarmente colpita, anzi in UE risulta la più minacciata col 36%, seguita da Francia (24%), Germania (20%) e Paesi Bassi (17%).

La stessa Leonardo, azienda di riferimento nazionale specializzata nei settori difesa, aerospazio e sicurezza ha subito il trafugamento di diversi GB dati e informazioni rilevanti di cui si sarebbero resi responsabili ex dipendente e ad un dirigente della stessa società. Se la più importante realtà industriale italiana, che opera e conosce l’importanza della security, subisce questo problema, verrebbe da dire che tutti – a livello industry e non solo – sono potenziali vittime.

Ecco perché è bene affidarsi a soggetti capaci di tutelare gli interessi aziendali e curare al meglio la sicurezza interna con la tecnologia più avanzata, ma anche con strategie innovative e, soprattutto, efficaci. Uno dei più interessanti, in questo senso, è il caso di Electi, realtà italiana specializzata nella pianificazione e nella gestione delle attività quotidiane e straordinarie. Per diversi aspetti è unica nel suo genere nel panorama nazionale. Si rivolge soprattutto a manager, Ceo di azienda e professionisti di alto livello, fornendo tutta la sicurezza di cui hanno bisogno, il tutto con una mentalità e logiche tipiche della intelligence.

Sicurezza in azienda: il modello Electi

Nel mondo della sicurezza, Electi opera come general contractor: pianifica, progetta e attua le giuste misure di security utili per rispondere alle effettive esigenze di ogni cliente, mediante protocolli e soluzioni tecnologiche d’avanguardia.

L’innovazione vera rappresentata dalla società è nel suo approccio di gestione e risoluzione di un problema, mutuato in una logica di intelligence.

In Italia, questo termine definisce lo strumento di cui lo Stato si serve per raccogliere, custodire e diffondere ai soggetti interessati, pubblici o privati, le informazioni rilevanti per la tutela della sicurezza delle Istituzioni, dei cittadini e delle imprese.

In pratica Electi propone al cliente un’offerta di servizi dal costo certo, comprensivo di tutto quello che serve per garantire la sicurezza. Anche in termini di cyber security l’azienda propone esperti di sua fiducia per offrire al cliente, anche in campo cyber, il livello più elevato di garanzie

Aziende ed eventi: la security è garantita, a partire dal recruiting

I casi pratici ci sono. Ma è implicito nel rapporto fiduciario che ha la Electi ha con i suoi clienti non rivelare nessuna identità pubblicamente. Possiamo però tratteggiare per grosse linee il metodo, affermando che per assicurare la giusta security per un’azienda di grandi dimensioni si parte a volte dalle tecnologie di videosorveglianza. In questo caso, Electi punta su soluzioni intelligenti, di stampo militare, che offrono il grado più elevato di sicurezza in termini predittivi e di analisi che permettono di fare attività di warning rispetto ad anomalie di processo.

Purtroppo ancora oggi uno dei vulnus dei processi aziendali sono anche il personale selezionato a tutti i livelli, per questa l’azienda offre servizi in affiancamento alla divisione recruiting interna al cliente. La vera prevenzione nasce, infatti, dalla selezione di profili ad hoc, specie nei ruoli apicali. Per questo il servizio punta su un profondo screening delle persone che entrano in azienda e monitoraggio delle risorse già presenti, individuando eventuali anomalie nei vari reparti. Spesso le aziende che si rivolgono ad Electi, lamentano un problema sensibile di turnover di personale e di perdita di dati sensibili, le due cose spesso sono connesse, quindi la loro consulenza non si limita all’intelligenze e alle tecnologie ma anche a quella in tema di procedure aziendali e di metodi di gestione delle risorse professionali.

Un altro caso di sicurezza di cui si è occupa l’azienda riguarda il mondo delle manifestazioni di pubblico spettacolo. Electi è in grado di installare, nel sito preposto all’evento, una centrale operativa mobile totalmente aderente alle normative e particolarmente versata ad assolvere a tutte le necessità di coordinamento delle forze pubbliche e private. In questo senso a fare la differenza sono le competenze specializzate e la tecnologia.

L’impiego di telecamere Smart, con sistemi informatici di livello avanzato permette di sapere il numero esatto di persone in una determinata area. Ciò  la consente di ridurre la presenza di operatori sul campo, assicurando i più elevati standard previsti a livello normativo e la stessa efficienza rispetto a metodi di sorveglianza tradizionale.

Inoltre, grazie alla videosorveglianza si sono ridotti a zero i danni assicurativi ai beni esposti, riducendo oltre i costi in termini tradizionali di risorse umane impiegate anche eventuali costi accessori imprevisti.

Giornalista freelance specializzato in tecnologia e in modo particolare in tematiche che hanno un impatto significativo sulla vita quotidiana e su quella futura: smart energy, smart building, smart city.