Cerca
  • Illuminazione
  • Casi di successo

Il progetto illuminotecnico per il Museo Nazionale del Qatar

Il progetto illuminotecnico per il Museo Nazionale del Qatar

Il progetto illuminotecnico del Museo Nazionale del Qatar, inaugurato lo scorso marzo dopo oltre 10 anni di progettazione e costruzione, è stato realizzato dallo studio internazionale di lighting design Licht Kunst Licht – LKL.
L’architettura, curata da Pritzker Jean Nouvel, si è ispirata a una rosa di sabbia. Per la progettazione illuminotecnica delle 11 gallerie della mostra permanente presente nel museo, il team di lighting designer ha sviluppato una narrazione della luce architettonicamente integrata in modo da accompagnare il visitatore attraverso i 700 milioni di anni di storia naturale e culturale dello stato del Golfo.

Architettura e progetto illuminotecnico si ispirano alla natura

Nel 2008, la fondazione pubblica Qatar Museums, con il patrocinio dello sceicco Tamim bin Hamad bin Khalifa Al Thani, è stata in grado di conquistare l’architetto francese Jean Nouvel per la nuova costruzione del Museo Nazionale del Qatar. L’architettura del nuovo edificio è unica nel suo genere e riflette la profonda connessione della gente un tempo nomade con il deserto e la natura del territorio: evoca infatti una rosa di sabbia. Come tale, l’edificio è caratterizzato da grandi dischi convessi, incroci e tettoie a sbalzo e la sua forma è spaziale e sensuale, fornendo ombra e rifugio.

Al suo interno emergono volumi di grande espressione, con sequenze di stanze sia alte che piccole, che a volte evocano l’intimità delle tende nomadi, a volte la vastità del cielo. Durante il giorno, la luce solare intensa entra negli spazi, ma in modo controllato. La luce naturale rivela le forme della stanza spaziale ma mantiene una distanza rispettosa per i reperti  più sensibili. La mostra stessa porta il visitatore su un percorso lungo 2,7 km, che attraversa la storia nel lontano passato del Qatar, presenta la sua flora e fauna e illustra il rapido sviluppo del paese.

edificio esterno - museo
L’architettura del museo nazionale del Qatar ad opera dell’architetto Jean Nouvel
Credits:Sharil Babu

Illuminazione musei e opere d’arte: attenzione ai dettagli

Progettare con la luce nei musei e nelle gallerie richiede il prendersi cura anche dei minimi dettagli. La mostra è caratterizzata da una sequenza di prodotti, modelli e riproduzioni in una serie di teche, integrate da proiezioni video e schermi, che richiedono un’accurato progetto illuminotecnico. Il concept di light design per l’illuminazione museale in questo contesto doveva tenere conto di questa evoluzione, richiedendo una potente orchestrazione di oggetti e spazi. Per questo motivo, la progettazione luci ha seguito due livelli: l’illuminazione del museo in generale, fornita da apparecchi regolabili abbagliati nel soffitto; l’illuminazione d’accento per dare enfasi dei singoli oggetti esposti nelle vetrine mediante apparecchi in miniatura integrati e per lo più invisibili. La posizione degli apparecchi per la progettazione illuminazione LED ha seguito una complessa serie di regole: tutte le sorgenti luminose hanno dovuto mantenere una distanza specifica da proiezioni e schermi per non ridurre l’effetto delle immagini.

Gli apparecchi a soffitto evitano tutte le vetrine con illuminazione integrale, onorandole in tal modo con un “orizzonte degli eventi” attenuato. La temperatura colore 3000 K viene utilizzata per illuminare il museo in generale. Insieme all’illuminazione fortemente zonale e ai livelli di illuminamento prevalentemente più bassi, a volte è evocativo di un falò notturno.

stanza museo
Uno dei saloni del National Museum of Qatar – Progetto illuminotecnico a cura di LKL

Illuminazione nei musei: luce su misura dal soffitto

Nel National Museum, i corpi illuminanti a soffitto sono costituiti da faretti orientabili incassati nel controsoffitto scultoreo. La luce emana attraverso una piccola apertura a “foro stenopeico” in un anello di rivestimento più grande, montato a filo, abbinato al colore del soffitto.
Per i faretti orientabili vengono utilizzati tre diversi angoli del fascio luminoso: spot, medium e flood, combinati con ottiche specifiche dove necessario.

La vera sfida è stata la collocazione delle fotometrie di luce appropriate per illuminare le sculture presenti. Poiché i piani 2D erano minimamente utili, ogni zona ed esposizione dovevano essere verificati nel modello di progettazione 3D e BIM virtuale e nelle sezioni di dettaglio. Allo stesso tempo, l’obiettivo era mantenere un senso di ordine nella disposizione del soffitto e allineare i raccordi con linee della griglia e punti di riferimento speciali, ove possibile.

Un’altra particolarità è la possibilità di regolazione individuale e dimmerabilità degli apparecchi di illuminazione tramite controllo remoto o telecomando. Per indirizzare un apparecchio specifico, il portatile si collega tramite controllo a infrarossi e può quindi inclinare l’ottica fino a +/- 35 ° e ruotarla di +/- 175 °. Ciò non solo consente una correzione della scenografia della luce in caso di scambio di oggetti esposti, ma soprattutto fornisce un’enorme semplificazione del processo di puntamento.

Oggetti in mostra
Progetto illuminotecnico del National Museum of Qatar – lighting designer: LKL

Luce nascosta per l’illuminazione delle teche

Le vetrine del Museo Nazionale del Qatar sono diverse quanto gli spazi espositivi stessi. Alcune sale diventano display a sé stanti, altre configurazioni intrecciano le vetrine con pareti o pavimenti, oppure i display diventano grandi riviste di scaffalature che ospitano una moltitudine di oggetti di dimensioni diverse. Ogni soluzione di illuminazione e progettazione luce viene quindi adattata con cura alla posizione e al contenuto. Tutte le apparecchiature di illuminazione all’interno delle vetrine sono modulari: un profilo ospita il cablaggio passante, i faretti in miniatura e gli inserti luminosi lineari sono posizionati in base alle esigenze e orientati di conseguenza. Altre configurazioni riguardano apparecchi che si collegano meccanicamente ed elettricamente a una guida in tensione tramite magneti.Il percorso attraverso la Galleria 2, ad esempio, conduce nel regno sottomarino dell’habitat marino.

Lighting design, display e audio-video: tutto è integrato

Una proiezione progettata dal consulente multimediale Ducks immerge le creature marine di dimensioni originali alla luce del sole infuso nell’acqua del mare. Invisibile all’osservatore, i proiettori di inquadratura sono nascosti nello spazio ambientale del display e accentuano con precisione i modelli senza disturbare l’effetto della luce della superficie dell’acqua increspata e mobile. Mentre posizionate liberamente, le vetrine smaterializzate sono illuminate esclusivamente attraverso faretti orientabili da incasso a soffitto, tutti i display che formano un’interfaccia con l’architettura, come soffitti, pavimenti o pareti, contengono sorgenti di luce nascoste.
Tale dettaglio si trova anche nel display Artropode integrato a parete. Qui, le farfalle native del paese sono allineate in una splendida schiera. Nascosto nella cavità superiore e inferiore è un gruppo di faretti in miniatura con lampade a LED che dettagliano la delicata trama e i colori vibranti delle ali. La parete della biodiversità, al contrario, funziona come un armadio sovradimensionato. Specie di varie dimensioni coesistono in compartimenti modulari, che integrano la propria illuminazione lineare nascosta. Crea un soffio leggero di luce mentre l’illuminazione d’accento proviene dal soffitto. Nascosti in piccole insenature nella sezione trasversale del display ci sono elementi LED lineari sottili e pilotabili, che enfatizzano i reperti sul pavimento.
Il progetto illuminotecnico prevede anche un’illuminazione d’accento invisibile ai visitatori e regolabile per esaltare trame e colori dei tessuti nonostante i bassi livelli di illuminamento.

stanza del museo con oggetti
Il progetto di lighting design di LKL per il National Museum of Qatar

Dettagli del progetto illuminotecnico

Nell’illuminazione del museo nazionale del Qatar, il visitatore viene trasportato in un viaggio attraverso 700 milioni di anni di storia naturale, artistica e politica. La ricchezza e la diversità dei reperti si rivolgono agli ospiti con campi di interesse più diffusi. La qualità, la sequenza e la presentazione delle mostre creano temi in continua evoluzione e coinvolgono tutti i sensi dei visitatori, che sono assorbiti dalla mostra dalla qualità dell’abbondanza di impressioni.

Come in molti casi di successo dell’illuminazione museale, anche qui l’illuminazione svolge un ruolo sottile, di accompagnamento, ma allo stesso tempo molto significativo. L’interazione finemente sintonizzata di tutti i componenti, come la scarsa luce del giorno, ma spazialmente definita, la luce del soffitto accentuata, l’illuminazione differenziata della vetrina e le proiezioni a parete magiche dei progettisti multimediali creano una sequenza sensoriale avvolgente e definiscono una progettazione illuminotecnica e un concept di lighting design nell’insieme elegante e armonioso.

Scritto da
Laura Baronchelli