Cerca
  • Efficienza energetica
  • Attualità

Economia circolare e comunità ambientali: il futuro è adesso

Economia circolare e comunità ambientali: il futuro è adesso

Economia circolare e decarbonizzazione sono al centro delle attività rivolte allo sviluppo sostenibile e alla transizione ecologica avviate da Acea, la nota multiutility attiva nella gestione e nello sviluppo di reti e servizi nei settori idrico, energetico e ambientale.

Come sottolineato da Silvia Celani, Head of Innovation dell’azienda, nel corso del webinar “Pnrr e PA protagonista della transizione energetica e digitale” promosso da LUMI lo scorso 3 maggio all’interno della Green Digital Week di Key Energy, Acea sta puntando al raggiungimento di obiettivi molto ambiziosi in tema di green transition. Obiettivi che sono diventati oggetto di veri e propri tavoli di lavoro.

I tavoli inno-sostenibili di Acea

“Lo scorso 3 febbraio abbiamo avviato un progetto importante che ha portato alla creazione di alcuni tavoli di lavoro “inno-sostenibili” – ha detto Silvia Celani -. Tavoli che hanno visto la collaborazione con centri di ricerca e università, tra cui l’Università Politecnica delle Marche, la School of Management Polimi e il CNR, e con alcuni top player di diversi settori su 5 tematiche chiave quali decarbonizzazione, economia circolare, biodiversità, mobilità sostenibile e tutela della risorsa idrica”.

Silvia Celani, Head of Innovation di Acea
Silvia Celani, Head of Innovation di Acea

All’interno dei tavoli di lavoro, Acea intende definire un approccio metodologico al processo di sviluppo sostenibile, ma anche arrivare a individuare i progetti e le soluzioni innovative in grado di accompagnare l’azienda nella twin transition, ovvero nella transizione ecologica e digitale, e attraverso i quali sia possibile migliorare i servizi ai cittadini e al territorio.

“Si tratta di un modo di lavorare cross-settoriale e “out of the box” – ha detto ancora la manager – che ci permette di ampliare la nostra visione e di fornire soluzioni concrete e servizi migliori ai cittadini. Allo stesso tempo, pensiamo che lavorare in sinergia con altri attori, in ottica di eco-sistema, ci permetta di raggiungere risultati ancora più rilevanti”.

Economia circolare e comunità ambientali

Quando si parla di economia circolare, si parla di riduzione dei consumi, eliminazione degli sprechi, riuso, riciclo e comportamenti virtuosi.
Acea spinge con convinzione in questa direzione, promuovendo delle “comunità ambientali” in ottica circolare, ovvero gruppi e aggregazioni di cittadini legati da un concetto di prossimità e di vicinanza territoriale che collaborino allo sviluppo di modelli  di sostenibilità ambientale. Un concetto analogo a quello delle comunità energetiche, in cui i cittadini si trasformano in produttori di energia e “prosumer”.

Il progetto degli Smart Comp

Nel contesto delle comunità ambientali, e in particolare sul tema della gestione dei rifiuti, il Gruppo Acea propone una soluzione rivoluzionaria di compostaggio diffuso attraverso l’adozione di mini-impianti di compostaggio dei rifiuti organici, pensati per le grandi utenze. Un progetto realizzato in collaborazione con ENEA e Università della Tuscia, che propone un nuovo modello di waste management. In sostanza, i mini-impianti di compostaggio possono trasformare direttamente in loco i rifiuti organici in compost tramite un processo aerobico che produce fertilizzante pronto per l’uso. Questa iniziativa avvicina il luogo di produzione del rifiuto al suo trattamento. Di conseguenza, permette di abbattere le emissioni di CO2 e i costi legati a raccolta e spostamento.

Giornalista e communication manager è stato collaboratore, capo redattore e direttore di riviste specializzate con focus su smart technologies, industria elettronica, LED e illuminazione e sostenibilità ambientale. Laureata in Lingue, ha acquisito nel corso degli anni forti competenze in ambito Smart City e Smart building. Da oltre 10 anni, segue progetti editoriali speciali in tema di città sostenibili e intelligenti e promuove e organizza il premio Ecohitech Award. Negli ultimi 8 anni si è specializza in content marketing, editoria online e scrittura SEO-oriented. Oggi è Direttore editoriale di LUMI4innovation.it