Cerca
  • Audio Video
  • Scenario

Realtà Aumentata: come aiuta il Facility Manager nella manutenzione impianti

Realtà Aumentata: come aiuta il Facility Manager nella manutenzione impianti

La Realtà Aumentata parte dalla realtà che ci circonda per poi modificarla, sovrapponendole informazioni artificiali e virtuali, dati in formato digitale. I nostri sensi vengono in questo modo “alterati”: un esempio concreto è dato dagli Smart Glasses oppure dai dispositivi di controllo gestuale, in grado di misurare l’attività elettrica dei muscoli del corpo e di associarvi un gesto che andrà poi a “muovere” oggetti tecnologici e a comandare a distanza pc, droni, robot e altri apparati.

Realtà Aumentata: il suo ruolo nella manutenzione impianti

Le analisi di mercato vedono consolidarsi sia le soluzioni di Augmented Reality (AR) che di Virtual Reality: secondo un’indagine di Capgemini, l’82% delle aziende che attualmente utilizza queste due tecnologie dichiara di avere riscontrato benefici pari o superiori alle proprie attese.

Non solo: nel report – che ha visto coinvolti 700 dirigenti di aziende attive nell’automotive, nel manifatturiero e nel mondo utility – emerge che il 50% delle imprese che non hanno ancora implementato soluzioni di realtà aumentata e virtuale, ha in programma di iniziare a esplorare il loro potenziale all’interno delle proprie attività entro il 2021.

Ma all’interno di un’azienda in cui sono presenti impianti da manutenere, qual è, nel concreto, il ruolo della Realtà Aumentata?

Una prima – e importante – funzione è quella di costituire uno strumento che permette di migliorare il campo visivo con informazioni digitali in tempo reale sull’impianto e di intervenire in modo preciso, con notevoli vantaggi. Quali? Si riducono, ad esempio, gli errori umani e i tempi di esecuzione, nonché i guasti e i conseguenti tempi di fermo macchina. E, ai risparmi temporali ed economici corrispondono aumenti di produttività.

Esistono, poi, sul mercato, dispositivi mobile dotati di telecamere digitali che restituiscono agli operatori informazioni puntuali, in maniera visuale, su tutte le attività di manutenzione.

Non solo. Tali dispositivi sono anche in grado di trasferire la conoscenza e il sapere, da lavoratori esperti e da documenti tecnici, direttamente nelle procedure di lavoro, convertendo il tutto in istruzioni visive semplici, sovrapposte direttamente alle attrezzature, migliorando così la sicurezza, la qualità e i costi dell’intero processo manutentivo.

Augmented Reality: come aiuta il Facility Manager

L’Augmented Reality è diventata una tecnologia all’avanguardia in molti settori. Tra i molteplici esempi, il suo essere di aiuto ai Facility Manager attraverso la manutenzione predittiva.

Di che cosa si tratta? La manutenzione predittiva è un tipo di manutenzione preventiva che, individuando e analizzando alcuni parametri, previene il guasto o il malfunzionamento.

Si tratta di una metodica che ottimizza gli interventi di manutenzione, mantenendo bassi i costi di esercizio, fattore – questo – fondamentale per chi opera nel Facility Management.

A differenza della manutenzione differita, eseguita dopo il manifestarsi del guasto, la manutenzione predittiva permette di ridurre drasticamente problemi e rischi di interruzione di servizi, affrontando in modo proattivo qualsiasi criticità. Inoltre, permette all’azienda un risparmio tra il 12 e il 18%.

Ecco perché, per il Facility Manager, diventa cruciale valutare la manutenzione predittiva nel programma di gestione degli impianti. E le soluzioni smart per la manutenzione predittiva stanno prendendo piede. I risultati sono dalla loro parte.

Un esempio significativo proviene dal sistema di manutenzione predittiva installato presso il grattacielo Burj Khalifa di Dubai, oggi il più alto al mondo (830 metri circa): qui tutto è in funzione ottimale 24 ore su 24, 7 giorni su 7, permettendo al team di Facility Management di monitorare da remoto l’alimentazione dei 400 carichi elettrici presenti, compresi i 57 ascensori, riducendo i costi operativi fino al 30%, utilizzando i dati dei sensori in tempo reale per il monitoraggio delle condizioni d’uso, sostituendo gli interventi di manutenzione ordinaria.

Articoli correlati:

Realtà virtuale: le applicazioni in medicina
Tecnologie Audio Video al servizio di università e strutture ricettive

Scritto da
Andrea Ballocchi